Che cosa è il punto di pareggio o il Break-Even Point?

Calcolare il margine di contribuzione per il controllo di gestione.
05/02/2013
Living Marketing: l’importanza della cravatta nel marketing.
08/02/2013
Show all

Che cosa è il punto di pareggio o il Break-Even Point?

Nell’ambito del controllo di gestione, quando si definisce punto di pareggio, si intende a seconda dei casi, quel livello di fatturato che riesce a coprire i costi totali (costi fissi e variabili) o quel livello di prodotti da produrre e vendere che ci permette di coprire come prima, i costi totali.

Quanto devo fatturare per coprire sia i costi fissi che i costi variabili?

Quanti prodotti devo produrre e vendere per coprire i costi totali?

Il break-even point (punto di pareggio abbreviato BEP) è uno strumento di controllo e previsione della gestione aziendale molto importante. È uno strumento di previsione perché con esso determiniamo le vendite che serviranno a raggiungere una situazione di pareggio fra i costi ed i ricavi. Lo si utilizza come strumento di controllo perché consente di verificare, durante l’attività di produzione e ad ogni livello di esso, gli utili e le perdite e di  intervenire nel qual caso le previsioni non si siano verificate. Come abbiamo già visto, in ogni impresa vi sono due tipi di costi:

  • Costi fissi: sono i costi che non variano al variare della quantità di produzione (stipendi, affitti…)
  • Costi Variabili: sono i costi che possono variare in maniera più o meno proporzionale alla quantità di produzione(costi materie prima, consumo energetico…)

In questa analisi è molto importante definire come abbiamo già visto il Margine di Contribuzione (differenza tra ricavi e costi variabili).

Come si calcola ad esempio il punto di pareggio?

E’ molto semplice, prendo i costi fissi totali e li divido per il margine di contribuzione del singolo prodotto. Ad esempio se il prezzo di vendita è di euro 100 e il costo variabile è di euro 30, avremo un margine di contribuzione unitario di euro 70. Se i costi fissi totali sono pari a euro 100.000, le quantità da vendere per essere in equilibrio sono pari a 1.429 (100.000/70,00).

In altre parole se non vendo 1.429 prodotti sono in perdita, se vendo 1.429 prodotti sono in pareggio, se vendo più di 1.429 prodotti inizio a guadagnare. Per sapere quale è il fatturato di pareggio, basta moltiplicare il numero di prodotti di equilibrio per il prezzo di vendita unitario.

C’è da dire però che il punto di pareggio, come analisi, non è completa, anche se è un ottimo strumento di calcolo economico. Nonostante alcune debolezze nel modello, la break-even analysis è da ritenersi uno strumento con cui nelle prime fasi del ragionamento per il controllo di gestione, si possono individuare utili informazioni di partenza.

 

1 Comment

  1. Ho letto con interesse e curiosità il vostro articolo, trovando tutte le informazioni molto chiare e puntuali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *