Dottore aveva ragione !!!!! Sono riuscito a risanare la mia impresa.

In questa crisi la leva finanziaria è messa in discussione?
28/02/2009
Caro imprenditore anche se perdi, per lavorare con le banche devi chiudere in utile!!!!
18/04/2010
Mostra tutti

Dottore aveva ragione !!!!! Sono riuscito a risanare la mia impresa.

Circa due anni fa, sono stato chiamato da un imprenditore del vicentino a discutere dei suoi programmi operativi e delle difficoltà che la sua impresa stava incontrando. Il lavoro si concluse con una serie di piccole ma importanti azioni e suggerimenti.

Dopo due anni ho incontrato l’imprenditore e davanti ad un bicchiere di prosecco ghiacciato abbiamo chiacchierato della sua impresa e delle recenti problematiche relative alla crisi. La prima cosa che mi ha detto è stata la seguente: “Dottore aveva proprio ragione quando già oltre due anni fa mi suggeriva di intraprendere la strada della patrimonializzazione della mia impresa e di allargare la visione concentrandomi su nuovi prodotti/servizi…..”

Devo dire che non è l’unico, ma il piacere di sentire dal mondo dell’impresa che attraverso piccoli aggiustamenti si soffre di meno è esaltante. In effetti, si pensa sempre che per affrontare i problemi contingenti servano soldi e grandi sforzi. Servono solo idee….. Il percorso intrapreso da questa piccola realtà imprenditoriale, tutto sommato è stato molto semplice e riassumibile nelle seguenti azioni:

1) Predisposizione di un semplice sistema per il controllo dei costi aziendali;

2) Individuazione della redditività dei suoi prodotti;

3) Individuazione di nuovi prodotti su cui fare ricerca e sviluppo;

4)Formazione del personale;

5) Rinegoziazione con il sistema bancario dei propri finanziamenti;

6) Aumento dei mezzi propri finanziando di tasca sua la società.

Direi che non c’è nulla di nuovo, ma i temi e le azioni intraprese da questo piccolo imprenditore, consapevole che lamentandosi non si sarebbe ottenuto nulla, sono apprezzabili e soprattutto in linea con quanto necessario per affrontare la situazione del momento.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *