Le imprese non sono come delle belle donne. La documentazione da presentare in banca.

Conviene all’impresa indebitarsi?
31/03/2013
Centralità del budget per il controllo di gestione nelle piccole e medie imprese
05/04/2013
Show all

Le imprese non sono come delle belle donne. La documentazione da presentare in banca.

La documentazione da presentare in banca.

In queste righe voglio affrontare il tema delle informazioni da presentare alle banche per migliorare la valutazione da parte delle stesse del merito creditizio. Intanto, voglio chiarire che il merito creditizio è l’importo massimo di affidamenti che una impresa può ottenere dal sistema creditizio. Detto ciò, voglio altresì chiarire che l’impresa non è come una bella donna che non ha bisogno di presentarsi, poiché al contrario l’impresa, nei rapporti con le banche ha in assoluto la necessità di presentarsi e presentarsi bene, poiché nel momento in cui rinuncia a far comprendere le sue caratteristiche la banca chiude il rapporto. Il momento in cui l’impresa si presenta in banca per negoziare un nuovo affidamento o il rinnovo di quelli esistenti è del tutto normale che debba mettere sul tavolo tutte le informazioni possibili per consentire all’istituto bancario di comprendere le dinamiche operative e i fabbisogni finanziari. Sia chiaro che in quel momento non possiamo pretendere che la banca sposi il progetto dell’imprenditore, perché la banca dovrà unicamente valutare poche ma essenziali circostanze:

  • Capacità dell’impresa di remunerare in modo soddisfacente il prestito concesso;
  • Capacità dell’impresa di restituire il capitale

Il resto non conta, quindi in quel momento l’imprenditore dovrà concentrarsi unicamente nel presentare un azienda con una buona redditività e con una buona produzione di cassa. Ma se l’impresa si presenta con un reddito operativo negativo o basso e una scarsa capacità di produrre cash flow, è tempo perso. Insomma è un comportamento normalissimo, e nel mondo degli affari ognuno punta al massimo delle proprie necessità, se poi al contrario si pensa che le banche debbano concedere credito a tassi bassi e infischiarsene di recuperare il capitale dato a prestito, è un film che non esiste, e sarebbe come pretendere che l’imprenditore faccia uscire dal proprio magazzino i propri prodotti a prezzi bassi e infischiarsene se lo pagano. E’ la stessa cosa!

Ma quali sono le informazioni essenziali da fornire alle banche?

Schematizzando il sistema delle informazioni poggia sulla predisposizione di specifici memorandum informativi come di seguito:

documenti da presentare in banca

 La necessità per una impresa di predisporre le informazioni di cui sopra, è di assoluta importanza e forse l’imprenditore ancora non se ne rende conto. Non se ne rende conto poiché c’è l’abitudine di andare in banca, sedersi e mettersi a parlare, parlare, parlare……confidando nel fatto che il nostro interlocutore memorizzi tutte quelle parole. In realtà è vero il contrario, poiché al nostro interlocutore non rimarrà in testa nulla della nostra impresa e quindi nella fase della valutazione del merito creditizio sarà penalizzata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *