La valutazione d’azienda e la diffusione della cultura del valore del capitale economico.

Budget, bilancio preventivo, piano previsionale……c’è troppa confusione….
20/01/2013
La partita doppia non è la finale di campionato!
28/01/2013
Show all

La valutazione d’azienda e la diffusione della cultura del valore del capitale economico.

In uno dei momenti di riflessione che faccio, al termine della giornata di lavoro, mentre guido per tornare a casa, recentemente ho analizzato la passione e la scelta di orientare la nostra professionalità e competenza nella valutazione di aziende e di quote societarie.

Guardando al passato e ai motivi che mi hanno indotto a scegliere questo percorso di specializzazione, quello più determinante è stato la carente o quasi assente cultura del valore delle aziende che caratterizza il tessuto imprenditoriale e professionale italiano.

In altri mercati diversi da quelli italiani, ho notato che le imprese tendono maggiormente a premiare scelte operative di incremento del valore piuttosto che di elementi contingenti di valutazione.

Ho verificato che molto spesso, imprese con importanti volumi di fatturato hanno un bassissimo valore del capitale economico poichè la tendenza di non misurarsi con elementi di valutazione oggettivi per valutare le proprie performance aziendali porta le stesse ad avere redditività quasi inesistenti e flussi di cassa nulli o negativi.

Domanda: Quanto vale la mia impresa?

Se non produci cassa, il resto  è solo conversazione e quindi non vale nulla.

La mia passione, l’impegno e la professionalità nella diffusione della cultura del valore ha fatto radicalmente cambiare le strategie operative di diverse aziende che ho avuto modo di seguire.

Privilegiare e diffondere nelle imprese la cultura del valore attraverso appropriate misure di performance aziendali rappresenta una grande opportunità di sviluppo e valorizzazione degli investimenti, poichè passare dalla cultura del fatturato alla cultura della redditività o dei flussi di cassa è il salto di qualità a cui tutte le imprese devono tendere.

Inoltre, raggiungere obiettivi di redditività finalizzati a creare valore per l’impresa, in molti casi determina un radicale cambiamento nel controllo di gestione dell’impresa, che passa da attività meramente orientata al passato, ad attività di sviluppo per il futuro.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *