Pianificare il percorso e stabilire obiettivi.

Ma lei paga i Modelli F24 e gli stipendi con il magazzino?????
01/02/2013
Cosa sono i costi variabili, i costi fissi e i costi totali?
04/02/2013
Mostra tutti

Pianificare il percorso e stabilire obiettivi.

Senza un piano aziendale solo affari mediocri

Non esistono ricette uniche e vincenti per fare impresa, ma solo buoni propositi da sviluppare con costanza Tutti possono imparare a governare una barca a vela, ma sono pochi i comandanti che riportano la barca in porto con un mare forte e raffiche di 30 nodi.

La mia passione per il mare e per la vela, molto spesso durante la navigazione, mi porta a fare profonde riflessioni sulle similitudini che esistono nel governo dell’impresa e di un imbarcazione a vela. La differenza potrebbe apparire poco significativa ma nella realtà dei fatti, le percentuali di insuccesso nel governo dell’impresa, confermano tali diversità.

Un buon comandante in mare non lascia nulla al caso. Verifica con cura l’equipaggiamento, parte se le condizioni metereologiche lo permettono e stabilisce una rotta da seguire. Ma quali sono i propositi principali della programmazione e pianificazione aziendale? Vediamo di sintetizzare i punti principali della programmazione e della pianificazione:

  1. Stabilire degli obiettivi specifici, chiari, misurabili e definire l’intervallo temporale di riferimento;
  2. Individuare le chiavi di successo della vostra impresa o del vostro business;
  3. Chiarire la vostra missione in termini di clienti, mercati, prodotti;
  4. Calcolate il punto di pareggio dei ricavi;
  5. Predisponete un budget e un piano economico e finanziario;
  6. Misurate costantemente gli obiettivi e i risultati a consuntivo.

Molto spesso l’articolazione più o meno approfondita dei precedenti passaggi è un buon punto di partenza per non trovarsi spiacevolmente spiazzati da risultati inattesi, proprio come il buon comandante di una barca a vela, che sapendo di andare incontro a condizioni proibitive cerca di evitare che le stesse danneggino il suo equipaggio e la sua imbarcazione.

In questi periodi di crisi la programmazione e il controllo diventano l’unico strumento di governo della stabilità aziendale.

Non si può certamente prevedere il futuro, ma se le scelte d’impresa vengono testate con gli strumenti della programmazione e controllo, magari si evitano gravi deficit economici e finanziari!!!!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *